Nella giornata di domenica 10 luglio sarà effettuata la visita all’acquedotto Romano nel comune di Sasso Marconi con l’ausilio del gruppo speleologico del GSB-USB (https://www.infosasso.it/acquedottoromano)

Il ritrovo è fissato in piazza Maggiore alle ore 8:15 con partenza alle ore 8:30.

Si raggiungerà l’Oasi di San Gherardo su strada tenendo presente che il ponte di Vizzano sul Reno è chiuso per lavori di manutenzione.
Il rientro potrà essere effettuato su strada oppure per i più temerari lungo il sentiero della via degli Dei lungo Reno fino al parco Talon e poi arrivo in città nel primo pomeriggio.

Livello di difficoltà: 3/5 (500 m di dislivello)
Lunghezza percorso: circa 35/40 km
Tipo di fondo: asfalto 85% / sterrato 15%
Tipo di bici adatto : tutte tranne bici da corsa
Pranzo: al sacco. Portare con sé abbondante acqua
Prescrizioni specifiche: lucchetto, acqua, crema solare, kit riparazioni, luci anteriori e posteriori, camera d’aria della misura giusta per la propria bici.
Assicurazione: dal 1 giugno è richiesto il contributo di 2 euro per assicurazione infortuni ai soci FIAB . Ai non soci alla loro prima escursione invece saranno richiesti 5 Euro per copertura infortuni ed RC. Per facilitare la raccolta ai referenti si prega di portare le somme spicciole. 
Per iscriversi alla visita all’acquedotto scrivere una mail al referente: Luca (lucasalvucci@gmail.com) Si prega comunque di avvisare in caso di impossibilità di partecipazione per poter comunicare in tempo agli organizzatori la propria assenza.

Note sulla visita all’acquedotto:
1)      La visita all’acquedotto romano del 10 Luglio parte alle 10.30 dalla Casa della Natura (Oasi di San Gherardo), via Rio Conco 8-10, Sasso Marconi.
2)      Durante l’anno vengono effettuate non più di 7-8 visite all’acquedotto e con numero contingentato (max 20 persone, oltre le guide speleologiche) per questioni di sicurezza e per non disturbare gli ambienti attraversati (passiamo all’interno di habitat di interesse comunitario in un sito Natura 2000).
3)      Si paga in contanti all’inizio della visita presso la Casa della Natura (12 euro i maggiorenni, 10 i minorenni accompagnati)
4)      La visita dura circa 90 minuti, a cui vanno aggiunti
a) gli spostamenti da e per la Casa della Natura
b) i tempi per il cambio di abbigliamento. Come indicato in precedenza, possono partecipare max 20 persone ad ogni visita all’Acquedotto.
5)      Le iscrizioni restano aperte sino alle ore 12.30 del sabato precedente. Quando è raggiunto il numero massimo di partecipanti, le iscrizioni vengono sospese. Per chi non fosse avvezzo alla compilazione del modulo online, è possibile telefonare direttamente a InfoSASSO (sportello turistico del Comune di Sasso Marconi) al numero 051 6758409.
Di seguito riporto le INFO GENERALI sulla visita guidata.

ALLA SCOPERTA DELL’ACQUEDOTTO ROMANO
Le visite speleo-archeologiche all’Acquedotto romano sono condotte dagli esperti del GSB-USB e si avviano con una breve passeggiata verso il suo accesso presso il Rio Conco, percorrono il cunicolo sotto la cascata ed esplorano quindi un breve tratto dell’acquedotto sotterraneo, con ritorno all’interno dell’Oasi sotto il Balzo dei Rossi.
Le visite sono di bassa difficoltà, ma non sono adatte a bambini sotto il metro di statura, a persone molto corpulente o con difficoltà di movimento e quindi non in grado di superare il diaframma di accesso posto a circa 90 cm d’altezza e largo appena 70×45 cm. Anche le persone molto alte devono tenere presente che il percorso lungo il cunicolo può essere disagevole per loro: non supera infatti i 2 metri d’altezza e in alcuni tratti raggiunge a malapena il metro e ottanta centimetri.
Dentro l’acquedotto, scorre sempre una certa quantità d’acqua (in genere 20-30 cm) e, soprattutto nel primo tratto, è presente stillicidio continuo alle pareti.
Bisogna quindi assolutamente portare da casa STIVALI DI GOMMA AL POLPACCIO e vestiario adeguato e robusto DA SPORCARE (ad es. una tuta da lavoro, una vecchia tuta da ginnastica).
Possono essere di aiuto anche giacca e pantaloni impermeabili leggeri tipo K-WAY.
L’Oasi fornirà a tutti i partecipanti il casco di protezione (disponibili taglie 1, 2 e ragazzi), dotato di lampada frontale a LED.
Chi vuole fotografare all’interno della grotta deve tener conto dello stillicidio di acqua e dell’ambiente saturo di umidità, che possono danneggiare le attrezzature.
Presso la Casa della Natura sono sempre disponibili acqua potabile, gel disinfettante e servizi igienici accessibili a tutti.
LA PRENOTAZIONE A INFOSASSO È OBBLIGATORIA.

(Foto dal sito della Città metropolitana di Bologna)